martedì 13 novembre 2012

I LOVE BARCELLONA 2 e L' ITINERARIO CULINARIO VEGAN

Ormai lontanissimi 5 mesi fà, volevo raccontarvi la mia vegetariana/vegana esperienza
nel quel di Barcellona!!
Esperienza più che positiva...
Barcellona ci ha regalato un sacco di opportunità culinarie, a partire dal fast food, fino ad arrivare al ristorantino di nicchia.
Quindi ecco la mia recensione fotografica, che spero vi aiuti in un vostro futuro viaggetto:

1:All' interno del famoso mercato della "Buqueria" sulla Rambla , mercato pieno di colori proprio come questo piatto vegetariano, ma su richiesta anche vegan, troverete un chiosco in fondo a dx, buonissimo davvero!!e ora che rivedo la foto sbavo al ricordo di quelle crocchette di spinaci!!
Porzione take-a-way come potete vedere a 10 € compreso il bere, non cI sono posti a sedere, devi mangiare in piedi in mezzo alla Rambla, ma vale la pena provare almeno una volta!!
                                                  alcune foto del coloratissimo mercato



2: "Cafè Amelia" un ristorantino carinissimo,  che abbiamo incontrato per caso, mentre scendevamo da Park Guell, con tovagliette cucite a mano, 2 ragazze con un nonsochè di vintage e un atmosfera un sacco casalinga.
Due menu  fissi a scelta molto succulenti!!
CAFÈ CAMÈLIA
VIA VERDI 79 QUARTIERE: GRACIA
Antipasto: Hummus con crostini e pinzimonio

3: "Biocenter" ristorantino solo Vegan, incredibile ma vero, molto carino e romantico, a lume di candela, ma il prezzo non troppo alla buona.Una laterale della Rambla
BIOCENTER
VIA PINTOR FORTUNY, 25
Hamburger di seitan e chips
Mix di Salse :Humus, Peperoni, Guacamole,
...e qui Enry con il suo "adorato" panino del "Maoz Vegetarian", e dico "adorato" perchè è riuscito a mangiarne ben 2 di seguito, e io vi assicuro che ho fatto fatica a finirne uno (consigliabile mangiarlo di giorno, io una sera ho fatto una fatica a digerirlo); però tr buono.
Con una piccolissima cifra, ti faranno il menù con panino patatine e bibita, all' interno del panino ti metteranno i Falafel, le famose polpettine di origine araba e un sacco di salse e verdure a scelta; ma la cosa strana è che puoi mangiare i felafeel con una forchettina all' interno del panino e continuare a riempire il panino self-service ogni volta che vuoi.
L'unica mancanza, lo spazio, ha 2 tavolini piccolissimi , naturalmente sempre pieni, quindi il più delle volte devi mangiare in strada; ma anche qui ne vale la pena.
MAOZ VEGETARIAN
C/FERRAN,13

7 commenti:

  1. Che bel reportage!!! La boqueria è una sorta di paradiso per ogni senso... Che bel ricordo! E da maoz mi son fatta certe mangiate... Favoloso! Anche a Londra c'è, ed è una mano santa per risolvere una cena al volo senza andare al supermercato! Ottimi consigli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buono a sapersi!!la prossima volta a Londra lo cercheremo!!appena scoperto non l'abbiamo più lasciato!!

      Elimina
  2. Che belle foto Cocci, che fame! comunque, già lo sai, dovremmo aprire anche noi un Cafè Amelie...sai che successo??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe un sogno!!era bellissimo!!sembrava di essere a casa loro!!molto accogliente!!pensiamoci!!pensiamoci su!!!

      Elimina
  3. mi torna la voglia di Barcellona....ci sono stata nel 2007 e le tue foto e i tuoi racconti me la riportano alla mente con prepotenza....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo Londra, è la seconda capitale europea dove ritornerei subito!!Non siamo neanche stati in spiaggia..perchè tutto il resto era più che sufficiente!!Bellissimo!!sempre qualcosa da fare e da vedere!!

      Elimina

grazie mille per il tuo "dolce o amaro" commento!!